to support computer education for the Blind and children with disabilities
Category Archives: Uno di loro

Carlo racconta

by amedeo
Carlo Pizzato

Uno di loro

La mia storia di vita “sao mai” e’ soprattutto quella vissuta con le persone che negli anni hanno partecipato alla realizzazione del centro e alle attivita’. Ci sono poi le esperienze fatte insieme, il Sao Mai Education Fund, le visite fuori HCM, i matrimoni, i problemi risolti e quelli ancora non risolti come quello di una sede permanente per il Centro.

Il Sao Mai Computer Center for the Blind fu creato nel 2001, dopo un biennio di formazione informatica avanzata rivolto ad un gruppo di giovani non vedenti ospitati nella comunita’ Bung Sang. Il finanziamento iniziale era stato approvato nel luglio del ‘99 dalla provincia di BZ.

Firma accordo costituzione Sao Mai Center for the Blind

Padre Thu, Mr. Quea, Mr. Chi, Carlo, Mr. Nam

Durante il biennio 99-01 altri 27 non vedenti della stessa comunita’, per lo piu’ bambini, hanno ricevuto formazione informatica, ma questa esperienza (uso del computer da parte di non vedenti) ed il rapporto con la comunita’ Bung Sang risalgono al 1994.

I ragazzi della comunita’ Bung Sang: Phuc e molti altri.

Avevo conosciuto Dang Hoai Phuc nel ‘94 quando era ancora un bambino da poco arrivato alla comunita’ Bung Sang e la sua storia, cosi’ drammatica, (era diventato cieco perche’ una bomba americana era rimasta nascosta e inesplosa vicino a casa sua e gli era scoppiata in faccia mentre stava giocando sull’erba), mi aveva creato subito una grande simpatia.

Qualche anno dopo, durante il biennio di formazione, Phuc alternava allo studio dell’ informatica quello della musica creando i primi CD di canzoni scritte e cantate da lui stesso.

Il progetto biennale ha usato risorse umane locali, in particolare un tecnico donna, ingegnere informatico, Ms. Trang, che ha reso il centro funzionale e adeguato alle aspettative dei ragazzi ciechi che imparavano con velocita’ e applicazione unica.

All’inizio del 2001 abbiamo fatto un viaggio ad Hanoi e Haiphong con Phuc, Son e Hung (tre degli otto impegnati nella formazione) visitando le sedi locali delle Associazioni dei ciechi per spiegare il progetto e mostrare le possibilita’ che il computer dava ai non vedenti.

Haiphong 2001

Memorabile fu la visita al Temple of Literature (Tempio di Confucio) di Hanoi, del 1070, che abbiamo realizzato come una visita tattile accompagnati da una persona che leggeva i pannelli in Vietnamita per loro . Son e’ ancora parte del Sao Mai. Hung si e’ sposato e vive in un’altra provincia.

Bao Vu non era membro della Bung Sang. Vendeva caramelle al Distretto 1 per guadagnarsi da vivere ma fu ammesso al corso di formazione e per anni ha poi insegnato al Sao Mai. Si occupava di giochi per i ciechi e di ricerche su Internet.

L’HSDC (Save Disabled Children Association)

Nel dicembre del 2001 il progetto biennale Bung Sang finiva con risultati molto positivi, sia per le conoscenze raggiunte sia per il clima di partecipazione e iniziava cosi’ la collaborazione con la HSDC, il partner a cui era stato affidato il Centro, dopo i due anni del progetto di formazione.

La HSDC radunava una decina di ex combattenti che ora in eta’ avanzata avevano il compito di aiutare i piu’ deboli. Tra questi anche Padre Thu , citato da Terzani in “Giai Phong, La liberazione di Saigon”, uno dei giovani preti progressisti che parteciparono alla lotta di Liberazione e da subito fecero da collante tra i rappresentanti del Fronte e le forze non comuniste.

La scelta della HSDC ci era stata suggerita da Mr. Nam l’ingegnere che aveva creato il primo software per ciechi in lingua vietnamita e che sara’ il primo direttore del Centro.

Amedeo ( che ha lavorato al progetto fin dall’inizio) e Mr. Nam diedero il nome al Centro: “stella del mattino”. Sao Mai Computer Center for the Blind. Mi piacque subito perche’ di fatto trovo anche nel nome una continuazione del progetto Bung Sang, “luce improvvisa”, ma con nuovi soggetti che dovevano amministrare una istituzione allora unica in Vietnam.

Phuc era cresciuto e le sue conoscenze informatiche erano molto avanzate, ma la nostra richiesta alla HSDC di farlo responsabile del centro era stata respinta perche’ lo ritenevano troppo giovane e inesperto. Nonostante i molti incontri abbiamo dovuto aspettare qualche anno perche’ questo avvenisse.

Il secondo direttore e’ stato Mr. Kuea, ex combattente della guerra e responsabile negli anni ‘60 della Propaganda dei Vietcong.

Nel 2007 Mr. Kuea un giorno decise di portare insegnanti e studenti del Sao Mai (un gruppo di una ventina di persone) a trovarmi a Vung Tau (dove vivo con la mia famiglia). Prima tutti al mare e poi a pranzo a casa mia. Quel giorno c’era anche Amedeo che ha sempre fatto in questi anni la spola tra la Thailandia, dove vive, e Saigon. Il vero motivo della gita fu chiaro nelle parole di riconoscenza pronunciate a casa mia per il lavoro da noi fatto in Vietnam a favore dei non vedenti. Con gli anni la sua vista era diventata molto debole. E’ stato commovente sentire quel vecchio partigiano vietcong dire grazie.

Mr. Kuea

Sao Mai Education Fund

Mentre il Sao Mai autonomamente creava nuovi progetti con altre associazioni internazionali, Amedeo ed io nel 2003 abbiamo creato il Sao Mai Education Fund http://www.saomaiedufund.info/ dando vita ad un programma di formazione informatica durato un decennio riservato alle donne cieche delle provincie del delta del Mekong.

Ms Thuy

Ricordo Ms. Thuy (Ño Nhu Thuy), una delle prime donne istruite al Sao Mai che, tornata a casa ha incominciato ad insegnare nella sua citta’ agli altri ciechi in una sala computer che lo stesso Sao Mai aveva organizzato.

Ms Phuong

E poi c’e’ Ms. Phan Thuy Phuong che e’ arrivata al Sao Mai con la sola 5a elementare ma dopo 6 anni e’ uscita con una laurea in Pedagogia dell’Universita di Ho Chi Minh. Avendo una preparazione al computer molto approfondita, e un ottimo inglese imparato al Sao Mai, oggi e’ insegnante nella scuola pubblica della sua citta’ in Ben Trea, Mekong Delta.

Matrimoni e Cat Tien National Park

I matrimoni sono eventi speciali in tutte le culture ed in Vietnam, quelli tradizionali in particolare, sono cerimonie con antiche procedure e atti simbolici. Nel 2007 c’e’ il matrimonio tra Phuc e Trang, una bella storia d’amore nata tra i bit dei computer del Sao Mai. A gennaio di quest’anno 2016 e’ nato il terzo figlio, una bellissima bambina, Dang Anh Cat , detta Toi (aglio) che si e’ aggiunta a Dang Anh Truc (una bambina nata nel 2008), ed a Dang Anh Duc (un bambino nato nel 2010).

Truc e Toi

Prima c’era stato il matrimonio di Binh (uno dei giovani formati nel progetto biennale), padre di una coppia di gemelli e quello di Thong, il nostro insegnante di inglese, che si e’ sposato a Hue’, con cerimonia tradizionale vietnamita davanti all’altare degli antenati, ed ha voluto che tutti del Sao Mai vi partecipassero.

La gita di 3 giorni a Cat Tien National Park e’ un’altra esperienza memorabile. Il video lo potete vedere in Youtube https://www.youtube.com/watch?v=6eMaixqtKFc dal titolo Ragazzi ciechi. Ricordo ancora l’incredibile camminata di Phuc da solo nel bosco, la camminata nel fango con le sanguisughe, il bagno nel fiume, legati alla corda, e la visita al museo del parco dove i ragazzi hanno potuto toccare per la prima volta tanti insetti e animali che popolano la natura della foresta.

Un problema non risolto

Pur rimanendo sotto l’ombrello della HSDC, il Sao Mai ha iniziato un suo percorso anche legale autonomo. Molti sono i progetti portati avanti dal 2001 al 2016. Un dettagliato resoconto lo potete trovare sul sito: http://www.saomaicenter.org/en

Non avendone una propria, Il Sao Mai ha dovuto cambiare sede ben tre volte.

L’HSDC ha sempre pagato l’affitto delle sedi, ma per difficolta’ economiche pervenute gia’ da quest’anno ha ridotto il contributo, e nell’ultima sede e’ stato creato al piano terra un Cyber& Music Cafe, nella speranza di avere un introito per pagare l’affitto e nello stesso tempo riunire in serate di musica i molti musicisti ciechi che in questi anni hanno avuto diverse fortune.

Dopo 15 anni pensiamo che il Sao Mai abbia le carte in regola per avere una sede propria e il nostro impegno e’ quello di cercare la strada per dargliela.

Carlo Pizzato, 16 Aprile 2016


Theme by Ali Han | Copyright 2017 Sao Mai Education Fund | Powered by WordPress